Toscana: il re Sangiovese e i piatti tipici

Toscana: il re Sangiovese e i piatti tipici

La Toscana è da sempre sinonimo di qualità nel mondo del vino, producendo vini pregiati, soprattutto rossi, apprezzati ed amati in tutto il mondo. Senza nulla togliere alle altre, essa rappresenta forse la più famosa di tutte le regioni italiane del vino, grazie al fascino delle sue colline rotondeggianti, delle sue strade costeggiate da cipressi, delle sue località marittime e dei suoi piccoli borghi. Ma anche senza tutto questo, valutando i meriti dei suoi vini, la Toscana sta in alto. Nel suo portafoglio vanta di circa 60 denominazioni di origine protetta (Docg, Doc e Igt). Nelle province di Firenze e Siena, tra le più belle colline Toscane nascono vini antichi, iconici e conosciuti a livello internazionale tra i quali ricordiamo il Chianti, il Chianti Classico, il Brunello di Montalcino, il Vino Nobile di Montepulciano. Nei territori di Livorno e Grosseto, mitigati dalla vicinanza al mare, vengono prodotti tra gli altri il Bolgheri Sassicaia, il Morellino di Scansano, il Montecucco e l’Ansonica. La provincia di Prato, non lontana da Firenze, è invece conosciuta per la produzione del vino dolce più famoso, il Vin Santo e per la piccola Docg del Carmignano. Il clima è un fattore vitale nel successo di questa regione. Le zone costiere calde e temperate si contrappongono alle aree interne (specialmente quelle collinari, per le quali la regione è così famosa), dove la variazione giornaliera della temperatura aiuta a mantenere nell’uva un perfetto equilibrio fra zuccheri, acidità e aromi. La varietà che prospera in queste vigne collinari è anche la firma della Toscana, il suo biglietto da visita, l’uva rossa Sangiovese.

antinori

Colline Toscane (C) Antinori

La Toscana è anche conosciuta per le sue specialità culinarie e per la sua grande capacità di creare degli ottimi piatti, anche di alto livello, partendo da una cucina povera. Il prodotto più particolare è il pane toscano, caratterizzato dalla mancanza di sale, dal quale vengono prodotte alcune tra le più classiche ricette: la panzanella, la pappa al pomodoro, la ribollita, l’acquacotta e tante altre. La ribollita deve il suo nome al fatto che per preparare questa pietanza si utilizzavano le verdure avanzate dei giorni precedenti, cotte poi nuovamente assieme al pane raffermo. La ribollita e il Chianti insieme rappresentano l’immagine e la tradizione toscana per eccellenza, essendo entrambi tra gli elementi più antichi e tradizionali del menù toscano. Abbinare un Chianti alla ribollita garantisce il successo, poiché la freschezza e la sapidità che dominano al palato con questo vino si sposano perfettamente con la moltitudine di sapori e profumi della ribollita.

hd650x433_wm

La Ribollita (C) Giallozafferano

La carne ha un ruolo fondamentale nella cucina toscana, basti pensare che è in questo territorio che nasce la razza chianina, dalla quale si ricava la famosa bistecca alla fiorentina. Un altro tipo di carne molto utilizzata in questa regione è la selvaggina come il cinghiale, la lepre, il capriolo ed alcuni volatili come il fagiano e il piccione. Le pappardelle al cinghiale sono un piatto tipico della tradizione culinaria della Maremma, la pianura più a sud della Toscana, molto diffuso ed apprezzato. Il piatto richiede una lunga preparazione, ampiamente ricompensata dai suoi sapori particolari, e un vino ben strutturato, meglio se invecchiato. Il vino ideale deve essere di colore rosso rubino intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, con un odore caratteristico e un palato asciutto, caldo e un pò tannico. Il Brunello di Montalcino sembra corrispondere perfettamente a questa descrizione, essendo un vino riconosciuto per la sua struttura…o perché no, rimanendo nella zona Maremmana, un Morellino di Scansano, il quale si sposa bene con i piatti di selvaggina per equilibrio di acidità e tannini.

giallozafferano

Pappardelle al cinghiale (C) Giallozafferano

 

Scopri i nostri grandi vini della Toscana

Newsletter

Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:


  • Approfittate degli ultimi articoli esclusivi sul mondo del vino
  • Scoprire tramite video i segreti delle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su degustazioni ed eventi che organizziamo

*campi obbligatori

About Giulia Mengoni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*