Bibi Graetz – Un viticoltore/artista in Toscana

Bibi Graetz – Un viticoltore/artista in Toscana

Bibi Graetz, iconico viticoltore italiano, produce il suo vino a Fiesole, sulle colline che dominano Firenze. La sua carriera è stata attraversata direttamente dall’arte. Essendo cresciuto in una famiglia cosmopolita di artisti, egli decise di seguire la stessa strada. Si laureò così alla celebre Accademia delle Belle Arti di Firenze, con tutte le aspettative di diventare un artista. D’altro canto anche la sua passione per il vino cominciò a svilupparsi negli anni, spingendolo a studiare da autodidatta e a fare ricerche, a leggere articoli e libri sull’enologia.  Il suo interesse, inizialmente, era rivolto alle diverse sfumature del vino; si dedicò così alla degustazione di vini per educare il palato. Continuò a progredire e a sviluppare le sue conoscenze sulla produzione del vino, fino a quando, nel  2000, il destino gli permise di vendemmiare e produrre il suo proprio vino. Questo fu l’inizio di una grande carriera e di una delle cantine più creative della Toscana e dell’Italia. Nel 2003, uno dei suoi vini, Testamatta, fu premiato come miglior vino rosso d’Italia. Il suo talento artistico, Bibi l’ha espresso nelle bellissime etichette dei suoi vini, suoi disegni astratti, e nei memorabili nomi che ha dato ai suoi vini. Tra i più celebri: Testamatta e Casamatta.

bibi_graetz_castello_di_vincigliata

(C) alliancewine

La sua intuizione gli permise ben presto di accorgersi dell’enorme potenziale del terroir intorno alla sua proprietà, il Castello di Vincigliata, bellissima tenuta nella zona di Fiesole risalente al 1031. Il suolo è composto principalmente di argilla e di marma, ed è ricco di fosforo, potassio e magnesio, i quali permettono alle radici di ottenere le sostanze nutrienti di cui hanno bisogno senza scavare troppo. I migliori terroir toscani contengono un’argilla compressa e a fiocchi, chiamata galestro, della quale le vigne di Bibi sono parzialmente composte.

J1797I vini che vi sono prodotti, Testamatta, BugiaColore, Soffocone di Vincigliata e Grilli del Testamatta, sono unici e caratterizzati da aromi complessi e tannini eleganti. Bibi è anche conosciuto per la sua passione per le vecchie viti; la sua uva viene prodotta da circa 80 ettari di viti sparse in tutta la Toscana, molte delle quali hanno quasi 60 anni. Bibi ha resistito alla moda di coltivare vitigni internazionali, utilizzando solo vitigni autoctoni, come il Sangiovese, il Canaiolo e il Colorino, l’Ansonica, vitigno bianco originario dell’Isola del Giglio e il Vermentino. Quasi tutti i suoi vini sono classificati come Toscana IGT, sono di una qualità eccezionale e di una personalità unica, sprigionata sorso dopo sorso.

 

 

Scopri i vini di Bibi Graetz

Newsletter

Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:


  • Approfittate degli ultimi articoli esclusivi sul mondo del vino
  • Scoprire tramite video i segreti delle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su degustazioni ed eventi che organizziamo

*campi obbligatori

About Giulia Mengoni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*