Nuova Zelanda – Terra di contrasti

Nuova Zelanda – Terra di contrasti

Una storia recente

La storia della vigna neozelandese risale a 1819, quando un vescovo francese piantò le prime viti. Esiste, attualmente, soltanto un piccolo numero di cantine centenarie. Infatti, l’industria viticola del paese non è, generalmente, più vecchia di 25 anni. Tuttavia, se l’attività resta recente, la progressione qualitativa fu assolutamente notevole. Fino al 1946, la produzione era soltanto dedicata ai vini da liquore. Una particolarità che oggi è completamente scomparsa. Devastata in seguito dalla fillossera, la vigna neozelandese conobbe un vero sviluppo dopo la seconda guerra mondiale. Se il successo del suo Sauvignon Blanc gli garantisce un’ascesa rapida, è una degustazione a Londra che firmò definitivamente la sua proiezione. Negli anni 80, i vini della Nuova Zelanda sono in risalto nella scena internazionale.

Delle condizioni climatiche uniche

Mai situata a oltre cento chilometri delle coste, la vigna della Nuova Zelanda beneficia di un clima marittimo. Qui, l’autunno è lungo e secco. L’uva approfitta di una maturazione lenta che gli permette di sviluppare sapori intensi. Le regioni viticole possiedono una grande varietà di terreni e si estendono tra il 34esimo e il 47esimo parallelo sud. Tradizionalmente, la Nuova Zelanda è centrata sulla produzione di vino rosso. Grazie alle sue foreste dense, le sue numerose montagne e le sue coste interminabili, la Nuova Zelanda presenta una grande diversità di paesaggi.

La regione di Auckland

Essendo fra le più vecchie regioni viticole della Nuova Zelanda, Auckland si trova al nord dell’isola. Con i suoi 550 ettari vitati, è una delle principali zone di produzione del paese ed è la culla di alcune tra le più rispettate cantine del paese. Approfitta di uno dei climi più caldi, cosa che permette in particolare la coltura delle sue viti faro, il Merlot ed il Cabernet Sauvignon. In assemblaggio le due viti formano quello che qui chiamano “Bordeaux Blend”.

Una vasta gamma di vini

Le diverse regioni viticole possiedono ciascuna le loro caratteristiche. Se la zona di Malborough è considerata per il suo eccellente Sauvignon Blanc, Auckland si impone con la precisione dei suoi assemblaggi bordolesi. La grande varietà di terreni offre una gamma estesa di aromi. I vini neozelandesi impressionano per la loro personalità, che si individua attraverso la loro intensità e la qualità della loro freschezza aromatica.

Tutti i nostri vini della Nuova Zelanda

 

Newsletter

Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:


  • Approfittate degli ultimi articoli esclusivi sul mondo del vino
  • Scoprire tramite video i segreti delle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su degustazioni ed eventi che organizziamo

*campi obbligatori

About Giulia Mengoni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*