7 Novembre: International Merlot day

7 Novembre: International Merlot day

Chiunque ami il Merlot non ha bisogno di una vera ragione per alzare il calice e brindare. Ma il 7 Novembre si celebra la giornata Internazionale di questa incredibile uva, quindi non importa in che parte del mondo vi troviate, è il momento di alzare il calice e unirsi ai festeggiamenti.

valandraud-merlot-1-2015-millesima

Storia di una delle viti principali del bordolese

Se si pensa alla vite più rappresentativa e più coltivata del bordolese, molti potrebbero pensare al celebre Cabernet Sauvignon. Ma non è così. Vi sono infatti in questa zona molti più ettari piantati a Merlot che qualsiasi altra tipologia. Per far capire l’importanza di questo vitigno, si deve tenere a mente che più del 60% di tutti i vini di Bordeaux sono composti da Merlot. Il celebre Cabernet Sauvignon occupa direttamente il secondo posto, con circa il 25% dell’intero vigneto del bordolese. In ogni caso, queste due tipologie vanno molto d’accordo. Infatti, il Cabernet Sauvignon ed il Merlot sono tipicamente assemblati insieme, sebbene la proporzione dell’uno o dell’altro dipenda dalla posizione geografica della cantine nella regione di Bordeaux (la right bank è storicamente dominata dal Merlot; la left bank, il Médoc, è invece la culla del Cabernet Sauvignon).

Diffusione geografica e tipologia

Anche se si pensi che questa tipologia dia il meglio nel bordolese, il Merlot è piantato in molte altre regioni viticole del mondo e della Francia (notamente nella Languedoc); basti pensare che non solo è il più piantato del bordolese, ma persino della Francia intera! Abbandonando la Francia, possiamo trovare il Merlot in molti altri paesi, come l’Italia, l’Australia, l’Argentina, gli Stati Uniti, il Messico, il Cile, la Svizzera…e molti altri ancora! La provenienza influenza molto le caratteristiche di questo vitigno: un Merlot proveniente da una regione dal clima più mite(tipicamente Francia, Italia e Cile), sarà più strutturato, con una presenza di tannini più importante e rivelerà delle note tipiche di tabacco e di catrame. Un classico esempio sono i vini di Pomerol, St. Emilion e Fronsac. Un Merlot derivato da uve piantate in una regione dal clima più afoso, sarà un vino fruttato e con dei tannini meno incisivi. Molti produttori californiani, australiani e argentini preferiscono far invecchiare il loro Merlot almeno 24 mesi in botti, di modo da offrirgli più struttura. Un classico esempio di un Merlot nato da un clima più afoso è quello di Paso Robles in California.

Caratteristiche

Conosciuto per essere elegante, maturo e fine, il Merlot da vita a dei vini piacevoli a bere, che si sposano bene come abbinamento a cibo o anche consumati da soli. Il Merlot è generalmente un vino facile da bere e, per questa ragione, è spesso consigliato a chi si approccia ai vini rossi per la prima volta. Il vitigno è facile da coltivare ed è amato per il suo frutto croccante e per i suoi tannini non aggressivi.

Frutto: Ciliegia nera, lampone, prugna

Altre note di degustazione: Grafite, Cedro, Tabacco, Vaniglia, Moka

Tannini: Medi

Acidità: Media

Gradazione alcolica: 12-15%

 

Newsletter

Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:


  • Approfittate degli ultimi articoli esclusivi sul mondo del vino
  • Scoprire tramite video i segreti delle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su degustazioni ed eventi che organizziamo

*campi obbligatori

About Giulia Mengoni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

shedsplansideas hoki123