La California: Napa Valley, Paso Robles e vini emblematici
© Opus One

La California: Napa Valley, Paso Robles e vini emblematici

La California rappresenta la quarta regione viticola più grande al mondo. Sebbene la sua storia inizi diversi secoli fa, è dagli anni ’60 del secolo scorso che la California, e in particolare la Napa Valley, ha iniziato a farsi conoscere in tutto il mondo. Il successo della Napa Valley è stato fortemente condizionato dal fattore umano, sopratutto da un grande visionario di nome Robert Mondavi. Paso Robles, una regione autentica e innovativa, rappresenta la nuova regione viticola della California. Scopriamo di più su questa regione e i suoi emblematici vini.

La viticoltura in California

©Opus One

©Opus One

Il vino californiano ha una lunga storia alle spalle. Nonostante la produzione sia iniziata qualche secolo fa, vivendo periodi piuttosto alterni di fama e recessione, a causa di vicende naturali (fillossera) e non (proibizionismo), il successo arrivò nei primi anni ’60. Nel ventesimo secolo i vini di questa regione acquistarono una fama internazionale ed iniziarono ad essere apprezzati e riconosciuti in tutto il mondo. Sebbene il vino venga prodotto in tutti i 50 gli Stati Uniti d’America, più del 90% del vino americano viene prodotto in questo stato, che può essere definito “il grande serbatoio del vino americano”. La California sarebbe così la quarta regione produttrice di vino al mondo se fosse uno stato indipendente. Negli ultimi due decenni, è raddoppiato il numero degli ettari vitati ed è quadruplicato quello delle aziende vinicole: 216.000 ettari vitati in ben 100 denominazioni dove vengono coltivati più di 100 vitigni. Le varietà più coltivate sono quasi tutte internazionali: Cabernet Sauvignon (“Cab”), lo Zinfandel, il Merlot, il Pinot Nero, la Syrah e, per i bianchi, il celebre Chardonnay. Lo Zinfandel, molto famoso negli Stati Uniti vinificato in bianco (white Zinfandel), è tra le varietà più antiche della regione. Era noto in California già all’inizio del XIX secolo e molti pensavano fosse un vitigno autoctono. Recenti indagini sul DNA hanno potuto stravolgere questo pensiero, difatti il vitigno è geneticamente identico al Primitivo. La maggior parte degli ettari vitati sono situati fra la Costa dell’Oceano Pacifico e la Central Valley. Il clima è molto vario: mediterraneo o continentale, con venti freddi che si alternano ad un caldo costante. Sebbene nelle regioni a nord l’inverno piova abbastanza, la regione deve spesso far fronte a dei periodi di estrema siccità. Lo stile Californiano è, per molti aspetti, ampiamente basato su quello Francese, ispirandosi in modo particolare ai vini di Bordeaux, della Borgogna e della Valle del Rodano.

Il mito della Napa Valley

©Harlan Estate Vineyard Rows

©Harlan Estate Vineyard Rows

Napa – che significa “terra d’abbondanza” nella lingua degli indiani Wappo – è una regione della California e la culla di grandi vini e di cantine leggendarie. La sua storia comincia nel 1840, quando il pioniere George C. Yount vi pianta la prima vite. Nel 1864, egli darà una parte delle sue terre a sua figlia Elizabeth e a suo marito Thomas Rutherford, che legherà il suo nome a questo territorio. I primi anni di viticoltura di questa regione saranno aiutati dal grande gran numero di immigrati europei. Charles Krug fonda così il primo vigneto commerciale nel 1861, e la sua iniziativa fu ripresa da molti. Tuttavia, nel 1919 arrivò il Proibizionismo e molti domini scomparirono. I soli che sopravvivettero producevano vino liturgico. Quando nel 1933 fu abrogato il Proibizionismo, la viticoltura iniziò poco a poco a riapparire. Alla fine del 19esimo secolo, la Napa Valley conta più di 140 “wineries”. Il suo sviluppo conoscerà in seguito un rimbalzo nel 1976, in occasione del celebre “Giudizio di Parigi”. Due vini della regione arrivarono al primo posto nelle loro categorie rispettive, affermando la qualità della Napa Valley. Alcuni anni più tardi, la fillossera devasta di nuovo le viti, ed i viticoltori colsero l’opportunità per migliorare la qualità. Essi decisero di ripiantare allora alcune varietà più adeguate al terroir. La Napa Valley diventerà nel 1981 la prima AVA (American Viticulture Area) e si trasformerà nel corso degli anni in una regione enoturistica.

Il successo della Napa Valley è stato condizionato da un forte fattore umano. Il primo a segnare la storia della regione fu Timothy Diener, membro di Christian Brothers. Inviato nel 1935 al Monte Veeder per collaborare nella produzione di vino, quest’ex professore di scienze aiutò Christian Brothers a divenire una delle marche più importanti. André Tchelistcheff, assunto a Beaulieu nel 1938, introdusse nuove tecniche in materia di vinificazione: invecchiamento in botti di quercia, fermentazione a freddo, fermentazione malolattica e prevenzione contro il gelo. Infine arrivò Robert Mondavi, vera icona della Napa Valley. Quest’ultimo lasciò Krug nel 1965 per iniziare a produrre il proprio vino e predispose una strategia di marketing e branding assieme alla Napa Valley Vintners Association per far conoscere la zona. Robert Mondavi è stato un visionario che non ha mai smesso di produrre dei vini che mostrassero con fierezza l’eleganza e la finezza di un grande terroir come la Napa Valley. La Napa Valley è divisa in 12 zone e le più apprezzate sono Stags Leap zona, Carneros, Paso Robles, Mount Veeder, Rutherford ed Oakville.

Paso Robles, the wild west

© L'Aventure

© L’Aventure

Paso Robles è una regione vitivinicola situata nella contea di San Luis Obispo considerata come il “Wild West” della California. La città El Paso de Robles (che significa “il passaggio delle querce”), fu fondata intorno al 1869 e si trova a metà strada tra San Francisco e Los Angeles. Oggi, Paso Robles ancora è considerato da molti come “l’ovest selvaggio” dell’industria enologica, caratterizzato dallo spirito innovativo e fuori dagli schemi con i quali è stata fondata. Ciò che rende eccezionale Paso Robles è la diversità di terreni, di esposizione e di precipitazioni. Con 13000 ettari, Paso Robles è la AVA più grande della California. In questa gigantesca area si trovano 45 differenti tipi di suoli, incluso il granitico, il vulcanico, il sabbioso e il calcareo. I suoli calcarei sono formati da argille e possiedono un alto contenuto di limo che produce un alto livello di PH. Il livello di Ph aiuta alla concentrazione degli aromi e la retenzione dell’acidità. Un ottimo suolo per delle zone calde, dove far crescere le uve è molto semplice. Oltre alla grande diversità di suoli, la zona presenta un livello di precipitazioni molto vario. L’esposizione varia dai 200 ai 700 metri, permettendo alle vigne di salvaguardare un ottimo livello di acidità. Un terroir eccezionale, la vicinanza con l’oceano e tanti microclimi: ecco dunque il segreto dei vini di questa autentica regione californiana. Ai produttori piace pensare “out of the box” e vinificano dei vini eccezionali, tipicamente con le varietà tipiche della Valle del Rodano (Syrah, Grenache, Mourvedre, Viognier, Roussane), ma anche Cabernet, Zinfandel e alcune varietà italiane. Opulenti, freschi, caratterizzati dai frutti rossi, con un buon grado alcolico, un palato soffice e un’acidità perfetta, i vini di Paso Robles sono ottimi nella loro giovinezza, sebbene i migliori siano adatti a un lungo invecchiamento.

Qualche pepita della California

Colgin_IX_2013_pck

Colgin : IX Estate 2013 

Estate_Cuvee_L_Aventure_2014_pck

 

L’Aventure: Optimus 2014 

Opus_One_2013_pck

 

Opus One : Opus One 2013 
Newsletter

Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:


  • Approfittate degli ultimi articoli esclusivi sul mondo del vino
  • Scoprire tramite video i segreti delle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su degustazioni ed eventi che organizziamo

*campi obbligatori

About Giulia Mengoni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

frenchusaGermanEnglish



Immergetevi nei segreti di Grandi Vini


Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:

  • Ricevere il codice per lo sconto di benvenuto del 10%
  • Approfittare degli ultimi articoli redatti sul mondo del vino
  • Scoprire grazie ai nostri video i segreti sulle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su eventi o degustazioni che organizziamo

Già iscritto ?



Immergetevi nei segreti di Grandi Vini


Si iscriva alla Newsletter settimanale del Blog Millésima per:

  • Ricevere il codice per lo sconto di benvenuto del 10%
  • Approfittare degli ultimi articoli redatti sul mondo del vino
  • Scoprire grazie ai nostri video i segreti sulle più grandi aziende vinicole
  • Essere informati su eventi o degustazioni che organizziamo

Già iscritto ?